SDS: “Sagra delle Sagre” e 2.0, ovvero “nella sua più recente e aggiornata versione, all’altezza della modernità tecnologica”. E’ questo il progetto che contraddistinguerà la Sagra delle Sagre 2022, così come è stato presentato e approvato dalla Regione Lombardia nell’ambito del bando per la ripresa del sistema fieristico lombardo.

Dopo le difficoltà estreme che hanno contraddistinto il settore negli anni più duri dell’emergenza epidemiologica da coronavirus Covid-19, non si possono non condividere le linee guida che hanno condotto la Regione a promuovere le manifestazioni fieristiche. Ricordiamo che i lockdown hanno effettivamente messo in ginocchio l’intero comparto, impedendo a tutti gli operatori di poter svolgere il proprio lavoro normalmente, sia nel 2020, sia nel 2021.

Per questo motivo, Ceresa S.r.l., società organizzatrice della Sagra delle Sagre, ha deciso di intervenire con azioni rivolte ai propri espositori per l’edizione 2022, in una fase in cui occorre ripensare al rilancio, alla riapertura e alla tutela delle attività. Quest’anno, viste le condizioni restrittive meno invasive, ci si attende una ripresa del mercato fieristico, se la stessa potrà essere sufficientemente sostenuta da interventi adatti.

Dopo due anni di blocco dell’attività, l’intero settore aspetta di poter riprendere a lavorare normalmente. L’importanza del mercato fieristico è nota. Le condizioni per favorirne la ripartenza sono opportune. La Sagra delle Sagre, anche quest’anno, offrirà agli operatori i propri spazi, con un rinnovato impegno a ricostruire il mercato esistente nel periodo pre-pandemico, cercando anche di non far ricadere sugli espositori i costi maggiori degli aumenti già registrati e prospettati per tutti i servizi (trasporti, energia elettrica, smaltimento rifiuti, ecc.).

Le azioni previste per raggiungere questo obiettivo comprendono la digitalizzazione dei servizi offerti, la promozione e la pubblicità, la ricerca di buyer e operatori economici dall’estero, gli eventi collaterali e di approfondimento, la predisposizione di aree speciali per determinati targets di impresa.

 

 

Con il contributo di:

logo-regione-lombardia